L’agenzia New Frontier Data ha svolto un sondaggio sulla percezione e sul consumo di CBD in Europa. Ecco i dati e cosa pensano gli italiani del CBD

Vediamo insieme un approfondimento di Weed World sulla conoscenza che gli italiani hanno del CBD. Dai dati riportati, si evince che c’è ancora poco conoscenza del tema.

L’europa è il secondo più grande mercato al mondo per il CBD dopo gli Stati Uniti: ospita 512 milioni di potenziali consumatori in 28 Paesi in cui il commercio di prodotti a base di CBD si sta espandendo. La maggior parte degli intervistati (76%) non ha mai provato il CBD, mentre solo il 16% ha usato prodotti a base di CBD. È interessante notare che l’8% ha dichiarato di non essere sicuro di aver mai usato il CBD.

La consapevolezza del CBD tra i consumatori europei è relativamente alta. Più della metà degli intervistati (56%) ha sentito parlare di CBD. Tuttavia, solo il 16% ha dichiarato di aver usato il CBD o prodotti a base di CBD. Tuttavia, il 46% degli europei considera favorevolmente il CBD, mentre il 15% ne ha invece un’impressione negativa.
Secondo i dati analizzati da New Frontier Data, esiste un mercato grigio del CBD in Europa, cioè non regolamentato del tutto con la conseguenza che alcuni prodotti che potrebbero mancare di controlli specifici. Questo, non solo rappresenta un problema per le imprese professionali che entrano nel mercato, ma anche per i consumatori che potrebbero acquistare prodotti di dubbia qualità con potenziali conseguenze per la salute.

Oltre la metà degli intervistati (53%) non comprende la differenza tra THC e CBD. Infatti, il 25% ritiene che il CBD abbia un effetto psicotropo, mentre il 28% non ne è sicuro. Tuttavia, il CBD gode di una percezione pubblica ampiamente positiva, con quasi la metà degli intervistati che afferma di avere un’impressione positiva sul CBD (46%) e una minoranza (15%) che esprime invece un’impressione negativa.

Le principali motivazioni per le quali le persone usano il CBD è la gestione del dolore (40%), seguita dal rilassamento (34%) e dal sollievo dallo stress (31%).

Qual è la situazione in Italia?

Continua a leggere su weedworld

CONDIVIDI

Author Flower Farm