Anche in Olanda, purtroppo, è scattata l’emergenza Coronavirus. La popolazione si è subito attivata per fare scorta di Cannabis e i coffee shop sono stati presi d’assalto.

Vediamo insieme un approfondimento di Fanpage sulla situazione Coronavirus in Olanda e come la popolazione si è attivata per fare scorte di Cannabis nei coffee shop.

Sono moltissime le immagini che stanno circolando in queste ore sui social e che ritraggono lunghe code fuori dai coffe shop dopo l’annuncio del governo olandese di chiudere per tre settimane i negozi di cannabis contro la diffusione del coronavirus. All’annuncio del ministro del Welfare tantissimi cittadini hanno preso d’assalto i negozi di cannabis per assicurarsi una scorta prima del lockdown.

Anche gli altri Paesi europei si preparano ad assumere dure misure di contrasto al coronavirus. Mentre i contagi continuano ad aumentare in tutta Europa, Francia, Spagna, Germania e moltissimi altri Stati iniziano a chiudere scuole, bar e negozi, chiedendo ai cittadini di rimanere in casa e uscire solamente per esigenze indifferibili. Nei Paesi Bassi questo si è tradotto anche nella chiusura dei famosi coffee shop, creando letteralmente il panico tra gli olandesi che in queste ore, prima della chiusura definitiva, si stanno accalcando nelle strade per assicurarsi la scorta di cannabis in previsione del lockdown generale.

Sono tantissime le immagini che stanno circolando in queste ore su Twitter e che mostrano lunghe file, fuori dai coffee shop di Amsterdam e di moltissime altre città olandesi. L’annuncio, improvviso, è arrivato ieri: i negozi in cui è possibile comprare cannabis sono stati chiusi dalle ore 18 del 15 marzo 2020 e lo resteranno fino al prossimo 6 aprile.

La chiusura riguarderà anche le scuole, i bar, i ristoranti, le palestre, saune e i sex club. Tutti questi esercizi commerciali rimarranno chiusi per tre settimane per prevenire i contagi da coronavirus. Ad annunciarlo è stato il ministro al Welfare, Bruno Bruins, durante una conferenza stampa televisiva. “Sono certo che queste non sono le ultime misure che prenderemo”, ha anche affermato Bruins, alludendo al taglio di alcune tratte aeree verso altri Paesi europei.

Continua a leggere su Fanpage.it

CONDIVIDI

Author Flower Farm